PORTFOLIO

ONE FOR THE ROAD – soliloquio da bancone in 19 giri e un brindisi

Un romanzo che è, al contempo, un contenitore multimediale in cui sono confluite le suggestioni di pittori, scultori, musicisti e attori.

One for the road, uno per la strada, è un brindisi ampiamente diffuso in tutto il mondo anglosassone. L’origine di questa espressione, dai più dimenticata, è legata alla tradizione londinese di offrire l’ultimo bicchiere ai condannati a morte durante il tragitto di circa 3 miglia che li separava dalla forca di Tyburn Tree. All’epoca le esecuzioni erano occasioni di festa: si stima che tra il 1196 e il 1783 siano state eseguite dalle 40.000 alle 60.000 sentenze.

One for the road, un brindisi che nell’uso comune offre alla strada l’ultimo bicchiere della serata, diventa qui il pretesto intorno al quale costruire una storia: la storia in 19 giri e, appunto, un brindisi, di un personaggio senza volto e della sua lunga ultima notte, trascorsa al bancone di un bar a raccontarsi a un interlocutore senza nome.
Un giro dopo l’altro.

Questi gli elementi. Tutto il resto si muove nella nebbiosa terra di nessuno tra il sogno e la realtà, sullo sfondo di una caccia crudele dove i tratti del cacciatore si confondono e sovrappongono a quelli della preda.

ITA

  • Edizione Kobo – ePub
    ISBN: 1230001458237
    Anno: 2016
    kobo.com
  • Edizione Kindle – Mobi
    ASIN: B01NAGJEND
    Anno: 2016
    amazon.it
  • Edizione tradizionale
    ISBN: 978-88-488-0703-6
    Anno: 2008
    ibs.it

ENG

  • Kobo – ePub Edition
    ISBN: 1230001468977
    Anno: 2016
    kobo.com
  • Kindle – Mobi Edition
    ASIN: B01MU07JML
    Anno: 2016
    amazon.it
Il volume è arricchito da una prefazione del poeta americano Jack Hirschman, dalle serigrafie di Enzo Santambrogio e da un intervento grafico dello Studio di Architettura Fabio Spinelli.

La copertina è affidata al pittore Enrico Cazzaniga: “Togliere a One for the road II”, opera realizzata con candeggina, smalto stradale e pastello su fustagno nero (dimensioni originali Cm 18 x 25).

Nell’edizione cartacea l’artwork è di Paola Lipari, l’impaginazione di Daniela Mena.

One for the road di Massimo Baraldi - Prefazione Jack Hirschman - Copertina Enrico Cazzaniga

One for the Road: l’edizione italiana (eBook)

One for the Road di Massimo Baraldi - copertina Enrico Cazzaniga

One for the Road: l’edizione italiana (libro)

One for the road by Massimo Baraldi - Preface Jack Hirschman - Cover Enrico Cazzaniga

One for the Road: la traduzione inglese (eBook)

“One for the Road” racconta la storia di una folle notte, notte che almeno una volta nella vita è capitata a ognuno di noi, con un finale che non poteva essere che quello, tutto da leggere. Anzi no, da bere. E magari, tutto d’un fiato.

Enzo Santambrogio
Enzo Santambrogio
scultore, fotografo e viaggiatore

L’arsenale di Baraldi contiene le armi per almeno alcune risposte ai problemi che l’alienazione umana ci impone. Egli è brillante nell’utilizzo della tecnica della narrazione auto-cosciente.

La prefazione di Jack Hirschman > Leggi

Nel closet drama (dramma da salotto) gli attori recitano le proprie battute come se sul palco non ci fosse nessun altro. Recitano, cioè, per l’amore del linguaggio in sé e solo incidentalmente perché qualcosa accada.
Tutte le ‘relazioni’ nel dramma sono determinate nell’isolamento della drammaticità — auspicabilmente poetica — all’interno delle espressioni di ciascuno degli attori perché, piuttosto di rivolgersi l’un l’altro parole al fine di proseguire un’azione, gli attori richiedono un ‘salto’ da parte del pubblico, il quale deve effettivamente inventarsi le azioni che le parole sottendono soltanto. Ci si rende subito conto di trovarsi di fronte ad un’opera modellata in forma di monologo, dove l’intenzionale isolamento dei personaggi è parte dell’intrinseco messaggio di alienazione.

One for the road di Massimo Baraldi è un monologo in 19 ‘Giri’ o ‘Svolte’. Preferisco la prima definizione perché un ‘Giro’ in Americano è sia un riferimento alla canzone Inglese cantata da una quantità di voci, che ai bicchieri che uno può offrire a persone ad un tavolo o al bancone del Bar, cioè (al Barista): «Facciamo un giro di birra (o vino)». Ovviamente il titolo del lavoro di Baraldi intende evocare un’ultima bevuta prima dell’abbandono di una scena, ma con questo scrittore — che nel presente lavoro utilizza un’ampia gamma di strategie tragicomiche — c’è un’ironia fin dalla partenza. ‘One for the road’ è un’espressione popolare per un’ultima bevuta. Ma One inteso come una persona for the road è anche metafora del reale svolgimento di questo ampio esperimento in forma di monologo, che si snoda, si trasforma e galoppa attraverso un paesaggio nel quale si inventano le forme e le figure che popolano i terreni della sua sensibilità senza mai esser certo che essi o egli stesso davvero esistano.

E che terreni! Baraldi è uno di quei poeti della prosodia che sono stati sciolti dagli ormeggi della tradizionale scrittura europea per mezzo di un’appassionata e persino ossessiva consapevolezza della cultura popolare americana. La cultura dei fumetti, specialmente. Quei ‘Giri’ o ‘Svolte’ nel titolo potrebbero benissimo anche essere Inquadrature e tutte le 19 parti di questo lavoro il tratto illustrativo della penna di una gigantesca striscia a fumetti che, frutto della mente in uno stato di follia, sviluppa la problematica in merito a cosa realmente c’è o non c’è Là (esiste).

Baraldi, nel suo lavoro, dona nuova vita a nomi di personaggi dei fumetti. La ragazza dei sogni è Silver (il nome del cavallo del Cavaliere Solitario), e c’è il J. Wellington Wimpy reso celebre da Popeye, e persino un selvaggio e strambo linguaggio inventato e derivato dal dialetto di Modena, l’area in cui è cresciuto.

Tutto ciò è parte di un canovaccio all’interno del quale l’umana solitudine è concepita come un inventore sovraccarico di quelle grandi domande esistenziali, tipo: Ho viaggiato così a lungo, perché non mi sono mosso? O: Tutte le creature e cose che ho nominato esistono davvero, oppure davvero io sono una farfalla e questo il mio sogno?

Ma l’arsenale di Baraldi contiene le armi per almeno alcune risposte ai problemi che l’alienazione umana ci impone. Egli è brillante nell’utilizzo della tecnica della narrazione auto-cosciente. Questo è un effetto — che nel mondo inglese torna indietro all’era elisabettiana ed è praticato con grande eleganza da Lawrence Sterne in Tristram Shandy fino a James Joyce in Finnegans Wake — nel quale, immerso nella più profonda osservazione, un autore cambia marcia facendo riferimento al reale lavoro che sta creando e, dalla boccata di comicità risultante, crea un doppio effetto di profondità e leggerezza.

Sebbene sia uno scrittore relativamente giovane, Massimo Baraldi possiede già i mezzi necessari per affrontare le possibilità tragicomiche relative al genere conosciuto come monologo.
E in un mondo e tempo e momento come quello che noi tutti stiamo vivendo in questi giorni, cosa con cosa è ormai soggettivismo vecchio stile essendo stato atomizzato dalla Bomba, sbriciolato dall’identità con le cose che consumiamo, e ‘inquadrati’ sia in senso politico sia tecnologico, così che le nostra fondamenta sono l’infondatezza e le nostre anime un abisso, abbiamo bisogno di simili nuove voci, generazionali e generanti che possono sfidare il vuoto e in modo auspicabile mostrarci, così come Baraldi fa, il modo per cadere all’insù.

Jack Hirschman
Yorkshire, England
2005

L'edizione in tiratura limitata
Di “One for the road” esiste un’edizione speciale – la prima – realizzata in collaborazione con lo scultore Enzo Santambrogio: copertina in ferro, dorso in cuoio e rilegatura bullonata. Stampata su carta in fibra di cotone, ogni copia contiene 12 serigrafie originali colorate a mano con prodotti alcolici da bar.

Tiratura: 100 copie numerate.

One for the road edizione numerata - Enzo Santambrogio - Massimo Baraldi
One for the road edizione numerata - Enzo Santambrogio - Massimo Baraldi
One for the road edizione numerata - Enzo Santambrogio - Massimo Baraldi

Eventi

  • 2002, AMT Gallery (Como): Presentazione del libro, anteprima della riduzione teatrale e mostra
  • 2004, CREATIVA – 5° edizione (Rignano sull’Arno, FI): Presentazione del libro, mostra
  • 2005, Rassegna della MicroEditoria – 3° edizione (Chiari, BS): Presentazione del libro. Con la partecipazione di Jack Hirschman
  • 2005, Mostra Mercato Libera Editoria – 1° edizione (Brescia)
  • 2005, Galleria AUS18 (Milano): “Caro Babbo Natale…” – mostra collettiva curata da Chiara Canali, Cecilia Antolini e Silvia Bonomini. Enrico Cazzaniga partecipa con alcuni studi legati a “Togliere a One for the road” e un numero limitato di copie del libro arricchite da una sua tavola originale in esemplare unico.
  • 2006, Monologhiamo – 3° edizione (Castellazzo di Bollate, MI): Anteprima della riduzione teatrale
  • 2006, Notte Bianca (Milano): Estratto della riduzione teatrale
  • 2006, MO.MEnti – Festival del Monologo (Melegnano, MI): Anteprima della riduzione teatrale
  • 2007, PAROLARIO – 7° edizione (Como): Presentazione del libro e anteprima della riduzione teatrale
  • 2007, Festival degli scrittori della Bassa – 2° edizione (Pegognaga, MN): Presentazione del libro
  • 2007, Festa del Teatro (Milano): Anteprima della riduzione teatrale a Palazzo Isimbardi
  • 2008, Rassegna della MicroEditoria – 6° edizione (Chiari, BS): Tre giri tratti dalla riduzione teatrale, anteprima

Riconoscimenti

L’opera è stata inserita nella mostra “LIBRI MAI MAI VISTI 2002” allestita a Russi -RA- dall’Associazione Culturale VACA e il Comune di Russi con la collaborazione del Museo dell’Illustrazione di Ferrara. L’evento era patrocinato dalla Regione Emilia Romagna e la Provincia di Ravenna.

La riduzione teatrale

A “One for the road” sono collegati diversi progetti collaterali. Tra questi, una riduzione teatrale in 10 giri (e un brindisi). Un demo fu realizzato in occasione della presentazione dell’edizione in ferro alla AMT Gallery di Como, puoi visualizzarlo qui.

Le serigrafie
One for the road: le serigrafie Enzo Santambrogio - Massimo Baraldi
Enzo Santambrogio e One for the Road - serigrafie
One for the road: le serigrafie Enzo Santambrogio - Massimo Baraldi