Massimo Baraldi è uno di quei poeti della prosodia che sono stati sciolti dagli ormeggi della tradizionale scrittura europea per mezzo di un’appassionata e persino ossessiva consapevolezza della cultura popolare americana. La cultura dei fumetti, specialmente.