I tre giorni di Baraldi

Interviste a quarantuno personaggi, tutti invitati a scegliere frazioni di tempo

Un caleidoscopio di vissuti dove la bellezza, i sogni e i sentimenti si fondono, seguendo le note della vita. È quanto ci offre Massimo Baraldi nel suo libro “Tre giorni nella vita” (Multimedia Edizioni, euro 15, 217 pp.) dove quarantuno personaggi raccontano all’autore tre giorni della propria esistenza: uno bello, uno brutto e uno così-così.

L’idea nasce da un’ispirazione, il brano “A Day in the Life”, uno dei massimi capolavori firmati dai Beatles, e dal desiderio di uscire da una situazione difficile, con la consapevolezza che, come racconta l’autore citando Baricco, “Non sei fregato per davvero finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla”.

Baraldi ha così deciso di intervistare quarantuno personaggi del tutto eterogenei per formazione e professione, che per lui, con l’esempio delle loro vite, sono stati significativi. La struttura è quella dei vecchi 45 giri: un lato A, per i giorni belli, un lato B, per quelli brutti, un bonus track, per quelli così-così, dove poter esprimere anche le esperienze di quei giorni dove luce e ombra, gioia e tristezza non sono così definiti. Artisti, sportivi, avventurieri, personaggi del mondo della cultura s’incontrano così in queste pagine offrendo la loro, personale, esperienza di vita, dando un piccolo, ma significativo, spaccato delle proprie esistenze.

“Tutti loro – racconta Baraldi – sono stati personaggi importanti per me: ci sono personaggi provenienti dal mondo della cultura come Philippe Daverio, altri molto diversi per formazione o professione, come ad esempio il pugile Nino Benvenuti. Ho deciso che li avrei contattati tutti e li avrei invitati a riflettere sul serio su questa buffa idea di intervista dove la domanda era: “Mi racconti un giorno bello, uno brutto e uno così-così”.

Artisti, poeti, fotografi, sportivi di diverse discipline, scrittori, registi e personaggi di ogni tipo, provenienti dai più diversi contesti, si susseguono così in questo caleidoscopio di esistenze, ognuno con la sua particolare angolatura, con il proprio ritmo e la propria musica, offrendo una visione della realtà che si radica nell’esistenza di ciascun personaggio e offre al lettore un breve, ma intenso, spaccato della propria esistenza. L’autore presenterà il libro venerdì 17 gennaio alle 18, presso la Libreria Ubik di Como (piazza San Fedele): modera l’incontro il giornalista Alessio Brunialti.

Massimo Baraldi, “Tre giorni nella vita”, Multimedia Edizioni, euro 15, pp. 217

© Manuela Moretti per il quotidiano “La Provincia”, edizione del 23 dicembre 2019